Solidali da vent'anni - L'AIMA, con le famiglie dei malati di Alzheimer

A.I.M.A. Crema

Vent'anni di AIMA Crema - Un'intensa attività a fianco di malati e loro familiari

A.I.M.A. Crema

AIMA CREMA COMPIE 20 ANNI

Vent’anni di presenza sul territorio, un’infinità di volti dallo sguardo sperduto, spento, e altrettanti dall’espressione sofferente, spesso corrucciata, molte volte solcati da lacrime amare. Tante vite provate da una malattia che cancella la memoria e con essa il passato e il futuro. Fin dal lontano 1995 è nata nei familiari coinvolti nel problema l’esigenza di trovare un punto di riferimento dove rivolgersi per avere informazioni corrette e sostegno nell’affrontare il doloroso cammino da percorrere accanto al proprio caro malato. La presenza a Crema, come direttore sanitario dell’IDR di via Kennedy, del dott. Daniele Villani, medico illuminato, esperto nel settore delle demenze, persona sensibile, è stata determinante per iniziare un rapporto con l’Associazione Italiana Malattia di Alzheimer di Milano e per la successiva fondazione nel novembre 1995, da parte di un piccolo gruppo di familiari, di A.I.M.A. Crema come sezione territoriale di A.I.M.A. NAZIONALE. Da quell’anno le iniziative intraprese sono state veramente moltissime

– All’inizio l’attività predominante è stata quella dell’informazione e della sensibilizzazione dell’opinione pubblica (la malattia di Alzheimer era pressoché sconosciuta sul territorio!) Un grande aiuto in talsenso è stato offerto da tanti musicisti locali e non che, con i loro concerti, hanno attirato moltissime persone. Anche l’apertura, nel maggio 1995, di un Centro Regionale Alzheimer presso l’I.D.R. di via Kennedy e la presentazione alla città è stata un’occasione propizia di sensibilizzazione. E poi… con grande entusiasmo ci si è incamminati nell’opera di sostegno per le famiglie, ritenuta indispensabile: sono nati così i corsi di formazione per familiari e operatori sanitari (n°11 fino al 2015) e i gruppi di sostegno psicologico (n°15 dal 1999 al 2015) e i percorsi individuali di sostegno psicologico e lo “sportello ascolto” (dal 2004 al 2015). Contemporaneamente si sono realizzate iniziative a favore dei malati: la loro accoglienza nei “pomeriggi insieme” per attività di socializzazione e aggregazione (dal 2005 ad oggi) che consente ai familiari di usufruire di due pomeriggi a settimana di “sollievo leggero” dal compito di cura. Nel 2004 si è attuata una prima esperienza di assistenza del malato al domicilio, il “Pronto Intervento a domicilio”, poi interrotta per mancanza di fondi e ripresa nel 2014 e 2015.
Nel 2009 ha avuto inizio un nuovo intervento a sostegno delle persone in fase iniziale di malattia, la terapia di stimolazione cognitiva (C.S.T.): 2 incontri settimanali per aiutare i malati a mantenere le capacità cognitive, le abilità e gli interessi ancora presenti. L’attività, molto apprezzata dai partecipanti e dai familiari, è proseguita negli anni successivi e, nel 2015, si è
trasformata in “Attivo corpo e mente”: durante gli incontri all’attività cognitiva si è aggiunta un’attività fisica appositamente studiata per i malati. Al termine degli interventi è stata organizzata una divertente “gara di bocce” alla quale hanno partecipato malati, familiari, volontari, giovani ed anziani. Nel 2010 l’organizzazione di una estemporanea esperienza di “Caffè Alzheimer itinerante” in alcuni oratori della città ha riunito insieme malato, familiare, volontari, cittadini in un clima festoso di condivisione.

– A.I.M.A CREMA , inoltre, non ha mai trascurato le occasioni di formazione, partecipando a numerosi convegni sulla malattia presso la Fondazione Vismara de Petri di S. Bassano, la Fondazione Sospiro, la R.S.A. Zucchi Falcina di Soresina, presso l’Ospedale Maggiore e l’Università di Crema, a Cremona in collaborazione con AIMA CREMONA e con l’Associazione Italiana Donna
Medico. A Roma, al convegno ITINAD (Italian interdisciplinary Network AIMA CREMA COMPIE 20 ANNI Corso di formazione Attività dei pomeriggi insieme Banchetto informativo 3 on Alzheimer Disease) AIMA ha ottenuto un importante riconoscimento. L’Associazione ha anche organizzato a Crema nel 2010 un corso di formazione per Medici di medicina Generale, accreditato ECM, frequentato da un buon numero di medici del territorio.

– Per la Giornata Mondiale Alzheimer del 21 settembre A.I.M.A. CREMA ha dedicato ogni anno grande impegno e non poche risorse economiche. Sono stati organizzati importanti convegni sulla malattia, che hanno visto come relatori professori noti a livello mondiale (il prof. Giacobini, il prof. Oliverio, il prof. Boller), ed anche spettacoli teatrali con importanti interpreti (Toni Comello, Ottavia Piccolo, Moni Ovadia, Gigi Ottoni, Laura Curino) e numerosi concerti. Tutte le manifestazioni hanno riscontrato la presenza di un foltissimo pubblico quindi sono state occasioni di grande visibilità per l’Associazione.

– Dal 1997 A.I.M.A. CREMA ha sempre partecipato alla “Conferenza Nazionale delle sezioni A.I.M.A” in varie città (Roma, Firenze, Varese, Milano) ed ha collaborato con A.I.M.A. CREMONA all’organizzazione della Conferenza nazionale svoltasi nel capoluogo provinciale. Così pure è sempre stata presente a tutte le “Giornate cittadine del Volontariato” dal 1999 ad oggi. Anche in ambito culturale l’Associazione ha offerto il suo contributo in occasione della presentazione alla stampa, a Milano, del 1° Vademecum Alzheimer nel 1996 (con l’intervento di Beppe Severgnini e Ottavia Piccolo) e della nuova edizione del 2011, nonché dei libri “Mi manchi” di Nadine Trintignant, “Più o meno qui, vicino al cuore” di Rosangela Percoco, e “Diario a quattro zampe” di Antonella Agnello. Ha presentato in città alcuni films sul tema della malattia: “ Quel che resta di lei “ di R. Rovescalli, e “Capitan Pistone e tutti gli altri” di M. Consoli. A.I.M.A. CREMA ha collaborato anche a progetti di ricerca: presso LENITEM (Laboratory of Epidemiology, Neuroimaging end Telemedicine) Istituto di Ricovero e cura a carattere scientifico Fatebenefratelli di Brescia e a 3 ricerche CENSIS sui bisogni e costi sociali della malattia di Alzheimer: nel 1999 “La mente rubata”, nel 2007 “ La mente riposta”, nel 2014/15 della quale non sono ancora stati pubblicati i risultati. Un’attività caratterizzante l’A.I.M.A. di Crema, nella quale l’associazione crede molto e che svolge con convinzione è l’incontro dei volontari con gli alunni delle scuole del territorio: dalle primarie alle medie, alle superiori (istituti tecnici, licei, scuole professionali). Dal 1996 ad oggi è stata compiuta una costante opera di informazione e di sensibilizzazione con l’intento di favorire, presso le giovani generazioni, quel cambio culturale che permetta un approccio corretto verso la malattia e le persone che ne sono colpite, abbattendo la diffidenza, la vergogna, la solitudine…tabù che ancora circondano Scuola Media Vailati Festa del Volontariato Giornata mondiale Alzheimer – 1995 l’Alzheimer e le altre demenze. La bontà e la valenza di tali interventi è stata confermata negli anni dalla restituzione che gli alunni incontrati hanno offerto all’Associazione con i loro disegni su qualche aspetto della malattia e, soprattutto, con le loro riflessioni e i loro scritti veramente appropriati, “sentiti”, a volte persino commoventi. Ne è testimonianza tutto quanto è stato pubblicato sul semestrale “Promemoria”, organo di informazione sulle attività svolte da A.I.M.A. CREMA che, a partire dal 2001, viene inviato a tutti i soci, ai medici del territorio, alle R.S.A. della provincia.

– L’anno 2015 è stato molto denso di iniziative, tra le quali riveste grande importanza l’apertura di un “INFOPOINT” di A.I.M.A. presso l’Ospedale Maggiore: l’Associazione ha aderito alla richiesta dei medici del dipartimento di neurologia di essere presente nelle adiacenze dell’ambulatorio U.V.A. per offrire ai familiari dei pazienti informazioni sui servizi offerti da A.I.M.A. e dal territorio. Ci si chiederà con quali risorse si è potuto realizzare tutto quanto elencato. Ebbene…. A.I.M.A. dispone di un gruppo di volontari che con grande generosità, competenza, disponibilità dedicano il loro tempo libero ai malati e ai loro familiari, di altri che con altrettanta dedizione si occupano del lavoro di segreteria, sempre più oneroso
e impegnativo, della comunicazione e dei rapporti con le Istituzioni. A.I.M.A. si avvale anche della collaborazione di psicologhe che non svolgono semplicemente il loro “lavoro” di professioniste, ma partecipano con disponibilità e coinvolgimento affettivo alla vita di A.I.M.A.

– Per quanto riguarda le risorse economiche (“punctum dolens” soprattutto in questi ultimi anni!!!) l’Associazione si finanzia con le quote associative (il numero dei soci oscilla fra 170 e 190), con il contributo del 5 per mille e, soprattutto, con la partecipazione ai bandi per il volontariato della Provincia, della Regione, della Fondazione Cariplo: sono stati presentati dal
2003 al 2014 n° 12 progetti di sostegno ai malati e alle loro famiglie che sono stati sempre approvati e finanziati.

– Una buona parte delle risorse economiche è stata reperita con iniziative per la raccolta fondi, molte delle quali sono state organizzate dai Clubs di servizio della città (Lions, Rotary, Inner Wheel, Circolo del Ridotto, Rotaract; Round Table): 4 sfilate di alta moda, 2 gare di golf, feste di carnevale, un “ gran galà della solidarietà” ( con la collaborazione di ben 7 clubs). Sponsor di A.I.M.A. fin dalla sua fondazione è l’ASSOCIAZIONE POPOLARE CREMA PER IL TERRITORIO che ogni anno elargisce un generoso contributo e che da due anni sostiene la pubblicazione del semestrale “Promemoria”. Volontari Consegna donazione Aperunning – 2015 Alzheimer Caffè itinerante – 2010 Serata Lions Club Crema Gerundo 5 L’Associazione riceve, inoltre, donazioni da privati che credono nella bontà dell’opera svolta. A tutti gli Enti e alle gentili persone che in vario modo l’hanno sostenuta, A.I.M.A. esprime il più sincero ringraziamento
unitamente a sentimenti di profonda riconoscenza.

– Un grazie immenso anche alla Fondazione Benefattori Cremaschi Onlus che generosamente ospita A.I.M.A. fin dall’inizio, con la quale l’Associazione intrattiene una proficua collaborazione.

– A.I.M.A. CREMA ha ricevuto, negli anni, importanti riconoscimenti: nel 2004 il premio “Pace e Solidarietà” dal Comune di Crema e dal Comitato Unitario Difesa Democratica, nel 2006 il premio “Bontà Notte di Natale” dal gruppo di volontariato vincenziano, nel 2010 il premio “Eustella” alla presidente per la passione, sensibilità, abnegazione profusa a sostegno dei malati d’Alzheimer, nel 2015 una medaglia dall’amministrazione comunale per il lavoro svolto, in occasione della cerimonia “Un cuore batte in ogni quartiere”. E’ veramente lunga la serie di iniziative alle quali i membri della presidenza, del consiglio direttivo e i volontari hanno dedicato tempo, fatica, passione, entusiasmo, nelle quali sono stati emotivamente e affettivamente coinvolti, per le quali, a volte, hanno sopportato delusioni e sconforto. Tuttavia, a nome di tutti, si può concludere che il bilancio è positivo: i legami di amicizia che si sono creati tra i volontari e tra questi ed i malati e le loro famiglie continueranno nel tempo. “Una persona che è entrata nel tuo orizzonte di vita … niente e nessuno la può sradicare” è stato scritto, così avviene in A.I.M.A. E l’augurio di chi ha operato in A.I.M.A. in questi venti anni è che possa continuare con nuovi volontari e nuovi soci. Un grande, riconoscente, affettuoso abbraccio a tutti coloro che hanno creduto in A.I.M.A. e l’hanno sostenuta.

AIMA-Crema: pranzo sociale

L’Associazione Italiana Malattia di Alzheimer, AIMA-CREMA a conclusione di alcune azioni realizzate a favore dei malati di demenza e dei famigliari, inserite nel bando volontariato 2014, presso il ristorante il Fontanile di Izano, domenica 27 settembre 2015 alle ore 12,30, al costo di € 25 a persona.

E’ un momento conviviale aperto a tutti. Sarà l’occasione per stare allegramente insieme e per raccogliere fondi a favore delle associazioni coinvolte.

Per aderire chiamare l’Aima al numero 0373 206514 entro il 23 settembre oppure recarsi alla sede dell’AIMA presso la Fondazione Benefattori Cremaschi nei giorni di martedì dalle 9,30 alle 11,30 ed il giovedì dalle 15 alle 17 e versare un acconto di € 10.

Maria Grazia Regonesi

Responsabile del progetto

 

Pubblicato in NEWS

PRANZO SOCIALE

Domenica 27 settembre 2015 ALLE ORE 12.30

siete tutti invitati al
PRANZO SOCIALE
presso

ristorante IL FONTANILE

(via del Fontanile1, Izano)

Sarà l’occasione per raccogliere fondi a favore delle associazioni coinvolte.

Ci sarà un ricco menù al prezzo di 25 Euro a persona!

Alla raccolta delle adesioni si dovrà versare 10 euro.

Pubblicato in NEWS